Via Scarlinese, 60 Puntone - 58020 Scarlino (Grosseto)

info@abavillage.it

+39 0566 866154 +39 0577 936247 +39 335 5251412

LAST MINUTE! Usa il codice ESTATE24 per avere subito lo sconto del 20% sulla tua prenotazione. Valido per soggiorni fino all'11 agosto 2024 su tutti gli alloggi!

Gavorrano

Gavorrano

Storia

La sua storia affonda le radici nell’antichità, e il territorio circostante è ricco di testimonianze di epoche passate.

  1. Periodo Etrusco e Romano: La presenza umana nella zona di Gavorrano risale all’epoca etrusca e romana. Gli Etruschi erano abili nell’estrazione e lavorazione dei metalli, e la presenza di miniere nella zona potrebbe aver attirato la loro attenzione. Con l’ascesa di Roma, la regione divenne parte dell’Impero Romano.
  2. Medioevo: Nel Medioevo, Gavorrano fece parte del territorio della Repubblica di Siena. La zona era strategicamente importante per la sua posizione collinare e per le risorse minerarie. Durante questo periodo, furono costruiti castelli e fortificazioni per difendersi dalle incursioni nemiche.
  3. Dominio Mediceo: Nel XVI secolo, la Repubblica di Siena cadde sotto il dominio mediceo. La famiglia Medici, che governava da Firenze, esercitò il controllo su Gavorrano e sulle sue risorse minerarie. La lavorazione del ferro diventò un’attività economica fondamentale per la regione.
  4. XIX secolo: Con l’Unità d’Italia nel 1861, Gavorrano entrò a far parte del Regno d’Italia. Durante il XIX secolo, l’attività estrattiva delle miniere raggiunse il suo apice, e la popolazione crebbe grazie all’arrivo di lavoratori dalle zone circostanti.
  5. XX secolo: Nel corso del XX secolo, l’industria mineraria subì un declino. La chiusura delle miniere ebbe un impatto significativo sull’economia locale, portando a cambiamenti nella struttura sociale e occupazionale della comunità.

Oggi, Gavorrano conserva il suo fascino storico e paesaggistico. Tra le attrazioni ci sono le rovine di antichi castelli, chiese e i resti delle miniere che testimoniano la sua ricca storia. La comunità è impegnata nella valorizzazione del proprio patrimonio culturale e nella diversificazione delle attività economiche per garantire un futuro sostenibile.

La figura di Pia de’ Tolomei è associata principalmente alla tradizione e alla leggenda, e il suo nome è legato all’opera letteraria “Purgatorio” di Dante Alighieri, parte della Divina Commedia.

La leggenda narra la storia di Pia de’ Tolomei, una donna senese, sposata con Nello della Pietra, un uomo di Maremma. Secondo la tradizione, Pia sarebbe stata imprigionata e fatta morire dal marito, che sospettava di un suo coinvolgimento in una cospirazione. Il suo destino tragico e la sua morte ingiusta sono diventati oggetto di varie rappresentazioni artistiche e letterarie.

La leggenda è stata immortalata anche da Dante Alighieri nel suo “Purgatorio” (Canto V). Nel poema, Pia de’ Tolomei compare tra le anime purganti, ed è raffigurata come un’anima innocente che chiede notizie sulla sua città, Siena, e il destino del suo amore.

Nonostante il contesto storico reale di Pia de’ Tolomei sia incerto e le fonti storiche siano limitate, la sua figura continua a suscitare interesse e fascinazione, e il suo nome è spesso associato a Gavorrano e alla Maremma. La leggenda di Pia de’ Tolomei ha ispirato diverse opere artistiche, tra cui dipinti, poesie e opere teatrali nel corso dei secoli.

gavorrano
gavorrano
previous arrow
next arrow

Attrazioni

  1. Rocca di Gavorrano: La Rocca è un’imponente struttura medievale situata nel centro storico di Gavorrano. La sua posizione elevata offre una vista panoramica sulla Maremma. La Rocca è stata restaurata e oggi ospita eventi culturali e mostre.
  2. Parco Minerario Naturalistico di Gavorrano: Questo parco offre un’immersione nella storia mineraria della zona, con percorsi che conducono alle antiche miniere di ferro. Ci sono itinerari guidati che permettono ai visitatori di esplorare le gallerie e di apprendere la storia dell’industria mineraria locale.
  3. Chiesa di San Biagio: Situata nel centro storico di Gavorrano, la Chiesa di San Biagio è un edificio sacro che risale al periodo medievale. La chiesa presenta elementi architettonici interessanti e affreschi d’epoca.
  4. Borgo di Caldana: Un altro borgo nelle vicinanze, Caldana, è famoso per la sua atmosfera tranquilla e le stradine medievali. Il Palazzo Pretorio è uno dei principali punti di interesse.
  5. Parco Naturale delle Colline Metallifere Grossetane: La natura circostante offre opportunità per escursioni e passeggiate, permettendo ai visitatori di godere della bellezza del paesaggio toscano.
  6. Parco della Finoria: Un parco naturale che sovrasta Gavorrano. Ideale per giornate rilassanti e pic nic.
  7. Chiesa di San Giovanni Battista Giuncarico: Questa chiesa è uno degli edifici principali del borgo e può risalire al XIII secolo. Mostra elementi architettonici tipici dell’epoca e può essere un luogo di interesse storico e artistico.
  8. Palazzo Appiani Giuncarico: Questo palazzo storico è un altro punto di riferimento nel borgo di Giuncarico. La sua architettura può riflettere il periodo in cui è stato costruito e può offrire una prospettiva sulla storia locale.
Chiama Trovaci Prenotazioni

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.